03 dicembre 2009

Taglio degli alberi nel parco pineta

Aiuole vuote, prima, c'erano gli alberi che sono stati tagliati


“Conversano - Pineta di via Iaia - Dopo una radicale potatura eseguita un po’ di tempo fa, forse un po’ troppo radicale per il periodo prescelto, ben quattro alberi di pino sono seccati. ‘Speriamo che si provveda subito alla loro sostituzione mediante il piantamento di nuovi alberi’”. Con questo messaggio sulla bacheca di facebook l’avvocato Walter Vavalle ha denunciato lo scempio nel quale finisce ogni giorno di più il parco pineta, in via Florenzo Iaia, adiacente il palazzetto ‘Castellaneta’ . Martedì mattina sono stati tagliati in tutta fretta alcuni pini ormai secchi.

Attualmente il baby park, unico vero punto d’incontro rimasto per far giocare i bambini all’aria aperta, si presenta spoglio e non idoneo. Quello che avrebbe dovuto essere una vera e propria area di verde grande e spaziosa per grandi e piccoli, oggi si presenta solo come uno spazio con alberi tagliati, vegetazione che ormai cresce rigorosa, senza cestini per i rifiuti, scritte illeggibili, panchine rotte e giostre pericolose. Inoltrandoci, dirigendoci verso quelli che un tempo erano i bagni, la situazione peggiora, tanto da diventare impraticabile a causa della mancanza di igiene e di escrementi non solo dei cani, ma anche degli anziani e dei bambini. L’argomento torna a far discutere i genitori che più di una volta hanno denunciato la situazione di deterioramento della villetta pubblica ormai diventata pericolosa per i loro figli. Il custode che ha il compito di controllare il parco pineta per alcune ore della giornata, si stringe nelle spalle. “L’attuale amministrazione ogni anno taglia gli alberi secchi, senza togliere le radici e poi, - spiega un residente della zona - copre con il terreno i resti del tronco, promettendo la sostituzione. Ora la villa è spoglia ed è, tra l’altro, in uno stato di degrado e di abbandono. Le giostre sono vecchie, risalgono al periodo in cui governava il sindaco Vito Bonasora. In questi anni ho sempre riparato le giostre che i vandali rompevano durante la notte, danneggiando senza scrupoli anche la zona di verde”. Com’è possibile che ancora oggi in un parco per bambini non venga subito ripristinato con la sostituzione di alberi com’è avvenuto in vico Spallanzani?

Caterina Narracci



(Pubblicato su Fax Settimanale, ed. di Conversano, Anno XIV, n. 47, del 28 Novembre 2009, p. 24).