06 agosto 2007

Lavoro nero e Soldi virtuali

Help!!!

100,00 € al mese per un part-time!

- 3 volte alla settimana

- 5 ore al giorno

- senza assicurazione

Dove sono finiti i controlli?

Ma, soprattutto, dove andavano a finire i miei tanti anni di studio, le mie ambizioni, i miei sogni, ...la mia dignità?

(... avevo toccato proprio il fondo!!!)

11 commenti:

gryphius ha detto...

i controlli... questi sconosciuti...

Alice. Caterina Narracci ha detto...

:-(
...fossero almeno pagati adeguatamente!

BLOG NEWS ha detto...

Siamo un popolo di MERDA incapaci di scioperare , lo prendiamo solo in cu..
ciao

Alice. Caterina Narracci ha detto...

ciao! è tristissimo, non credi?

sergio ha detto...

si ero proprio io, avrai notato un po di emozione, a volta mi capita; ma non me ne è mai fregato gran chè...vado avantio lo stesso e sempre!!!!!

riguado i film ancora no, ma li ho messi tutti in elenco, per ora sono in villeggiatura e ho per qualche minuto internet..ogni tanto!!!

vedo che macini libri..complimenti; io aspetto notizie di un libro prenotato: il linguaggio del dono di Godbout, aspetto che la libreria mi nandi l'sms del suo arrivo!!

beh 1€ l'ora....!!!! 1€ l'ora??? esagerata...ma dai...!!!! che schifo!!!! sinceramente non saprei che risponderte e che dirti sono solo sconvolto!!!!
se Non si ci mette daccordo prima..e in più niente di scritto quindi....!!! !

sono pienamnte daccordo con Blognews siamo un popolo che non sa scioperare e ancora di più noi giovani...non abbiamo più le palle non sappiamo cosa sia società e rispetto dei diritti se solo ne fossimo una minima parte a conoscenza ci sarebbero certi scioperi...... e tutta la colpa è della scuola!!!!

Sergio

ps: tu per caso il giorno dell'incontro con Mario GEROSA eri verso le 15/16 al bar, che sta in piazza, il primo che s'incontra venendo dalla stazione e parlavi con delle amiche del film Hostel di Q.Tarantino, perchè dalla foto che vedo nel blog assomigli a quella ragazza!!!!

ciao ciao
ser

ps: non ho capito dell'esperienza che hai avuto su SL!!!!!

Redazione ha detto...

Eh purtroppo... che bruttissima esperienza quella di essere sfruttati e sottopagati!

Oggi la precarietà è un'arte!

Luigi R.

Alice. Caterina Narracci ha detto...

Ciao Sergio!
Eri tu allora?!
Che gioia!
Già adoravo internet, ma adesso… Fantastico! Avviserò tutti i miei amici.
L’emozione non è un problema, anzi… (devi vedere io come mi comporto quando sono emozionata!!! Emotiva come mi ritrovo :-) e già!) Chissà, forse un giorno avrai questo piacere...
La fotografia, nel mio caso, è una terapia che mi aiuta tantissimo).

Perché ritieni che sia colpa della scuola?

Caterina
P.S. mi dispiace deluderti, ma non ero in quel bar quel pomeriggio!

ciao!

Alice. Caterina Narracci ha detto...

@ Luigi,
la prossima volta che mi capita un lavoro, se non c'è anche un minimo di contratto (scritto nero su bianco), non accetterò.
non voglio perdere tempo dietro quel tipo di gente...
E' una una questione di serietà!

Ciao, ci vediamo in giro!

Anonimo ha detto...

lo dirai a tutti i tuoi amici? che cosa vuol dire??? perchè mai??? e come mai???
sono curioso!!!!! se no che antropologo sarei!! ;-)


già l'emozione non è un problema.... è proprio così anche per me!!!!!!!

sarà davvero un grande piacere anche per te!!!!! ahhahaha :-)

la scuola dovrebbe istruire e far crescere e non insegnare facedno imparare a memoria la lezioncina privando l'alunno di poter avere una propria idea! ricodo che ogni volta che volevo ( non solo io) esprimere ua mia considerazione che andasse al di fuori delle 10 pagine studiate per casa la risposta di tutti i prof era: " credi di essere tu l'insegnante?" cerca di attenerti a quello che " impari qui "
saraà forse perchè gli insegnati sono gelosi della " loro cultura" e quindi temono di essere superati, come si dice:" l'allievo supera il maestro" ( vedi i mestri che insegnano l'arte di suonare le luneddas in sardegna, succede così: se non impari nulla allaprima lezione sei fuori)

dai!! la scuola dovrebbe spingere il ragazzo che si sta formando a potersi esprimere ad avere un dialogo continuo a sapersi difendere e perchè no a protestare a manifestare.... invece ogni volta che... subito si cerca di appiattire la persona e la propria cultura e non per ultimo il gruppo!!!

sono dell'idea che oggi la scuola come anche l'università non vogliano persone pensanti ma macchine da costruire e animali da addestrare così che tutti siano uguali perchè così è più facile comandare!!!!

comunque...

peccato che non eri tu quella del bar... il film Hostel l'hai visto comunque!!!!????

io l'altro ieri ho visto existens... ottimo consiglio.. poi il colpo di scena alla fine ha dato quel pizzico di pepe in più!!!complimenti.

ciao ciao Ser
:-)

sergio ha detto...

l'anonimo sono io sergio


ciao ;-)

Alice. Caterina Narracci ha detto...

Ciao Sergio,
con “lo dirò a tutti i miei amici”, volevo solo sottolineare le potenzialità di internet e di quant’è necessario e utile. “Dire a tutti” che è possibile contattarsi, trovarsi e incontrarsi vuol essere più che altro un urlo per tutti coloro che ancora oggi non si vogliono adeguare ai tempi. Nulla di più!!! ;-)
Avevo la tua stessa idea sulla scuola, prima che iniziassi l’accademia di belle arti. Alla scuola elementare odiavo la mia maestra, quando mi dava da ricopiare 10, 20, 30 volte una maledetta poesia da imparare a memoria... le poesie non devono essere imparate a memoria come l’Ave Maria, ma studiate, capite, sentite… vabbè! Cmq quell’esperienza non me le ha fatto odiare, anzi,…
“… l'idea che oggi la scuola come anche l'università non vogliano persone pensanti ma macchine da costruire e animali da addestrare così che tutti siano uguali perchè così è più facile comandare!!!!”
Hai perfettamente ragione! Poi, aihmè, ho anch’io avuto a che fare con questo tipo di prof . Mi fanno un po’ pena adesso che ci ripenso: loro e quel “antico” metodo di studio. Che gente noiosa! 

P.S. Sì! Ho visto “Hotel” un po’ di tempo fa e non mi è piaciuto. Credo che non lo rivedrò mai più…!