23 febbraio 2007

La felicità presa a morsi


La vita è ora qui
in un auto un cimitero una fetta di mare
sedotti dal sole di maggio
che danza incerto acrobata
sui nostri visi
il domani è un incallito furfante che ci ruba l'oggi
non voltarti indietro
ieri non è più e domani è oggi
guarda le tue mani che scompaiono nelle mie
e riaffiorano superbe
dopo un'apnea di baci
in questa solo da noi sostenibile leggerezza
ci siamo riconosciuti ebbri di vita
pellegrini di emozioni
artisti del nulla e del tutto
narratori di anime
giocatori leali
in lotta a volte
con un destino baro

(grazie!)

4 commenti:

Alex ha detto...

Qualche indizio mi induce a pensare che il quadro e la posia siano riferite a te.. :-) . Ehm, il quadro si chiama "io.jpg". E poi
il riferimento ai lunghi capelli corvini cullati dalla brezza.
Infine non c'è l'autore ma un ringraziamento. Se dovessi aver ragione, non posso che fare i miei complimenti, sia a te per il quadro (e soprattutto per la figura ritratta), sia eventualmente per essere l'ispiratrice di simili romantiche parole... ed infine al poeta ... fortunato lui! :-)

Anonimo ha detto...

puoi cancellare subito questa poesia? grazie!

alex ha detto...

Se fossi stato indiscreto, chiedo scusa. Commentavo solo una poesia.
Cancella pure quello che ho scritto.

alice76cat - Caterina Narracci - ha detto...

no! non ti preoccupare.
il mio amico ha scritto circa una quarantina di poesie e quasi sicuramente le pubblicherà tutte: ha finalmente trovato una casa editrice. sono felice per lui. diventerà un grande poeta. spero che non si dimentichi di me!!
P.S. ho sostituito la poesia...