09 settembre 2008

Il coraggio d'amare

C. Narracci, Un amore per sempre. 2008.

Abbiamo il diritto di sognare: l'amore! Mi riferisco non solo all’amore senza sesso o viceversa, come cantava Antonello Venditti in Ricordati di me nel 1988, ma alla definizione stessa della parola, senza, tra l'altro, confondere l’amore (quello vero) con l’illusione d’amore.

In queste mie vacanze forzate ho letto romanzi, ascoltato storie e visto film, lasciandomi coinvolgere dalle emozioni e aspettando il momento giusto per dire la mia. A farmi riflettere ulteriormente è Platinette con la sua trasmissione radiofonica, Un colpo al cuore, in onda tutti i venerdì mattina. Mi domando: esiste ancora il vero amore o è passato di moda? Se penso alle storie che nascono in internet e ai rapporti virtuali, risponderei di no. Dov’è finito il coraggio di amare e il piacere del contatto fisico? Ho notato che spesso questa mancanza di coraggio, si riflette inevitabilmente anche nelle situazioni lavorative. Si vive, inoltre, o forse dovrei scrivere, si sopravvive nel terrore di ammalarsi o nel terrore di avere già qualche malattia infettiva, magari immaginaria. Ma cosa sta accadendo? I rapporti stanno cambiando sotto i nostri occhi. Ecco tutto! Allora perché scandalizzarsi se due uomini o due donne si amano tanto da sposarsi; perché scandalizzarsi nello scoprire che anche una prostituta è capace di amare; perché scandalizzarsi per la differenza di età in una coppia; … perché scandalizzarsi se “al di là del mare vive una città dove gli uomini sanno già volare”. (Antonello Venditti)



5 commenti:

Peppe ha detto...

Tu l'hai trovato l'uomo della tua vita?

BLOG NEWS ha detto...

Bellissima la vignetta !


Un caro saluto

Alice. Caterina Narracci ha detto...

@peppe. Diciamo che sono sempre innamorata.
;-)

@blog news. Grazie. Sei gentilissimo.
A presto.
Caterina

Anonimo ha detto...

bella la vignetta...molto romantica...(chissà chi è???) inoltre interessante il tuo intervento. baci flà!

ebalsemin ha detto...

Molto carino il post, ma personalmente sull'amore di due persone dello stesso sesso mi sembra una cosa innaturale, seppure esiste.